The Voice, il fenomeno Suor Cristina è una montatura?

Suor Cristina Scuccia, concorrente di The Voice of Italy 2

Che se ne parli bene o male, non importa, l’importante è che se ne parli. Questa massima sembra più che mai veritiera nel caso di Suor Cristina, la suora diventata un vero e proprio caso mediatico dopo la sua partecipazione (qui il video della sua esibizione) alla seconda Blind Audition di The Voice of Italy.

Il video della sua esibizione ha superato i 30 milioni di visualizzazioni, un vero e proprio record per un qualsiasi concorrente del talent musicale di Rai2.

E, mentre viene svelata la canzone che canterà Suor Cristina per la sua seconda esibizione davanti ai quattro coach, ovvero “Girls just want to have fun” di Cindy Lauper, sorgono all’orizzonte dubbi e malignità riguardo la sua partecipazione al talent.

Secondo quanto riportato dall’Huffington Post sembra che Suor Cristina Scuccia non si sia spontaneamente presentata ai casting di The Voice, ma sia stata sollecitata e contattata più volte dagli stessi autori del programma. Un personaggio costruito a tavolino, dunque?

SUOR CRISTINA “FINTA”?

A rivelare il retroscena è Padre Raffaele Giacopuzzi, direttore del Good News Festival, una kermesse canora a cui Suor Cristina partecipò vincendo il premio della critica.

Se Suor Cristina è a The Voice è perché ha partecipato a Good News Festival e per nessun altro motivo“, ha spiegato Giacopuzzi, precisando di essere stato contattato dagli autori affinché spronasse Suor Cristina a partecipare al talent.

C’è poi chi pensa che Suor Cristina abbia superato le Blind Audition soltanto per il ruolo che ricopre. Alessandro Cattelan, fresco conduttore di uno show tutto suo, dichiara a Tv Sorrisi e canzoni: “Va un po’ contro tutto quello che The Voice ha sempre sostenuto, cioè che da loro conta solo la voce. Suor Cristina, invece, non canta bene, però è un personaggio fantastico”. E aggiunge “se si fosse presentata a qualsiasi casting è chiaro che l’avrebbero presa“.

Tutto falso, dunque? Voi che pensate?

Lascia un commento