Bologna, barista si dà fuoco davanti alla questura. E’ Grave.

Un uomo di 35 anni di origine Camerunese si è dato fuoco davanti alla questura di Bologna. Attorno alle 21:00 di venerdì 31 luglio, in piazza Galilei l’uomo si è cosparso di liquido infiammabile e si è dato fuoco per protesta. La motivazione del gesto, sembra sia da ricercarsi nella chiusura di un locale in via delle Moline dove lui lavorava come dipendente, e che era stato chiuso di recente con un provvedimento del questore. L’uomo sembra si sia presentato prima in questura chiedendo di parlare con il questore Ignazio Coccia ma avendolo visto agitato gli agenti gli hanno risposto che non era possibile, visto l’orario, e l’hanno invitato ad andare via. Una volta uscito si sarebbe dato fuoco per protesta e soltanto l’intervento degli agenti ha scongiurato il peggio.

Le sue condizioni sono comunque gravi, ma non è in pericolo di vita. L’uomo è stato portato presso l’Ospedale “Maggiore” di Bologna con ustioni di secondo e terzo grado alle braccia e al torace.

Lascia un commento